Restauro pavimenti in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano

restauro
pavimento in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano
stato prima d'intervento di restauro
stato precedente al restauro
restauro pavimento in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano
fasi del restauro
fase successiva restauro pavimento in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano
fasi del restauro
fase prima del restauro
stato prima dell’intervento

restauro pavimento in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romanorestauro pavimento in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romanorestauro e ricostruzione mosaico dopo intervento

Nel restauro dei pavimenti in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano, noti anche come  terrazzo alla Veneziana o battuto in calce. Legartrestauri vanta un’antica tradizione. Sia nella posa di nuove pavimentazioni che nel restauro e nella conservazione. Le origini di questo tipo di pavimentazione provengono dall’antica scuola Romana del mosaico. Il  pavimento in cocciopesto alla Veneziana o battuto in calce permette di pavimentare superfici illimitate, senza dover intervenire con giunti tecnici. Realizzando superfici di unica bellezza. La regola fondamentale per restaurare i pavimenti in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano è di non cambiare i materiali originali, quando si devono fare i rappezzi. Usare calce idraulica o cemento è un errore, perché in breve tempo si deteriora, creando lesioni con il vecchio pavimento. Le parti ammalorate di un terrazzo Veneziano o battuto in calce, vanno demolite con un martello da taglio, senza usare mezzi meccanici poiché compromettono la pavimentazione.

Importante è il consolidamento delle parti adiacenti alla ricostruzione. Azione necessaria per poter stendere la posa del sottofondo, della stabilitura e la semina dei granulati di marmo, scelti precedentemente. Infine si battono e si lasciano stagionare.

La levigatura del terrazzo o battuto va eseguita con abrasivi fini e macchinari leggeri per non creare lesioni sulla superfice. Non usare mai nel battuto in calce acido ossalico o altri tipi di lucidanti speciali, in quanto nel tempo aggrediscono la pavimentazione. Prima della stuccatura con gesso da sarti e olio vegetale, è necessario lavare il  pavimento, con sapone con ph neutro e acqua, senza usare prodotti aggressivi. Infine l’oliatura e  ceratura fino a rifiuto e la lucidatura con monospazzola e tampone.

All’interno dell’articolo è inserito un link dove potrete visionare una galleria di immagini di pavimenti in cocciopesto alla Veneziana e mosaico Romano.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *